Classe II A

Sistema nervoso e animali

Riproduzione e animali

Adattamento e animali

Cnidari

Il ciclo degli cnidari (video)

Esempi di vermi vari (platelminti; nematodi; anellidi)

Rigenerazione Planaria

Artropodi italiani dei vari gruppi, abbiamo visto per i miriapodi:

- Julus è un millepiedi, ama luoghi umidi e puliti è detritivoro.

- Scolopendra è un centopiedi ed è velenoso, vive in luoghi bui ed umidi, sotto le rocce.

- Scutigera è un centopiedi, un rapido predatore che negli angoli più bui delle nostre case si ciba di insetti indesiderati.

Per i crostacei abbiamo visto la canocchia. Ne esistono diverse specie tutte accomunate da occhi molto complessi che possono mettere a fuoco più punti contemporaneamente e sono sensibili a 12 colori. L’uomo può vederne solo 3 (fondamentali). Le canocchie possono compiere con gli arti anteriori un rapidissimo movimento che determina una potente onda d’urto che esercita la forza d’impatto di un oggetto di 100kg.

Aracnidi italiani:

- Lycosa tarentula è un ragno dalla bassa velenosità, paragonabile ad una vespa, diffuso soprattutto al sud.

- Cheiracanthium punctorium è un ragno presente in Europa, date le dimensioni dei suoi cheliceri può infliggere punture piuttosto dolorose, anche attraverso altri oggetti che si trovano in natura, per esempio attraverso un cesto d’insalata.

- i salticidi: piccoli ragni che possiamo trovare anche nelle nostre abitazioni. Si nutrono di piccoli insetti e presentano occhi molto sviluppati.

- Latrodectus tredecimguttatus è la vedova nera italiana (mediterranea), ha un corpo nero con 13 macchie rosse per questo tredecimguttatus. Ha un veleno potente ed è pericoloso per l’uomo, vive soprattutto nelle zone più calde del centro e sud Italia.

- Euscorpius italicus è uno scorpione tipicamente italiano, vive in zone buie ed è predatore. Presenta robuste chele e questo ci indica che (fortunatamente) il suo veleno ha una tossicità medio bassa per l’uomo. Pungiglione e chele rientrano in una strategia bilanciata negli scorpioni: infatti specie con grandi chele di solito presentano veleni meno potenti. Al contrario specie dalle piccole chele, come Leiurus quinquestriatus presentano veleni molto potenti.

- Ixodes ricinus è la zecca dei boschi, è un acaro che può trasmettere importanti infezioni batteriche tra cui Borrelia burgdorferi, l’agente responsabile della malattia di Lyme. Per compiere il suo ciclo vitale l’animale ha bisogno di pasti di sangue, ha un addome molto estensibile per incamerare più sangue.

- Dermatophagoides pteronyssius è l’acaro della polvere, si nutre di scaglie di cute ed è quindi detritivoro. Produce escrementi molto allergizzanti.

- Demodex folliculorum è un acaro che vive nei nostro follicoli piliferi e sulla nostra cute. Non causa particolari problemi all’uomo.

L’etologia: lo studio del comportamento animale. Materiali:

- Video 1: comportamenti innati, adattativi e segnali visivi. Pesce palla.

- Video 2: comportamenti antipredatori, la fuga. Iguana vs snakes.

Differenze tra uova e spermatozoi, significato

Cordati

Neuromasti e linea laterale

Pesci ossei (bony fishes) vs pesci cartilaginei (cartilaginous fishes), notare le scaglie: negli uni sovrapposte e negli altri non sovrapposte e dentellate, clicca qui

Ampolle del Lorenzini

La scoperta di Stefano Lorenzini

Organi vestigiali

Luscengola

Organi a fossetta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>